Fedez denunciato dal Codacons per la raccolta fondi di marzo

Fedez ha ricevuto accuse molto gravi da parte di Codacons per la raccolta fondi di marzo, avviata per sostenere l'ospedale San Raffaele di Milano durante l'emergenza sanitaria.

Il Codacons ha depositato una denuncia ai danni di Fedez alla procura di Roma e le accuse sono pesantissime: diffamazione, calunnia, minacce plurime, violenza, associazione a delinquere e induzione a commettere reati. Reati che avrebbe commesso lo stesso Federico contro l'associazione dei consumatori e il presidente Carlo Rienzi.

La questione risale, in realtà, a qualche decina di giorni fa; soltanto ieri la denuncia è stata depositata in maniera formale. Siamo a marzo, il Codacons denuncia le commissioni applicate dalla piattaforma Gofoundme perché "ingannevoli". La piattaforma è stata utilizzata da Fedez e Chiara Ferragni e da altre migliaia di utenti nel mondo: quello che ottiene Rienzi è un provvedimento d'urgenza dell'Autorità, che dichiara "illecito" il meccanismo di applicazione delle commissioni a carico dei donatori. La replica di Fedez è stata immediata: sul suo account Instagram, il rapper ha dichiarato che Rienzi "ha cercato in ogni modo di minacciarmi e intimidirmi, ma quello che sta facendo il Codacons è pericoloso, oltre che utile solo ai loro interessi".

Alla denuncia depositata ieri, Fedez ha nuovamente risposto sui suoi profili social, commentando: "rido per non piangere, siamo in un Paese in cui tutto è possibile. Volevo dare una mano senza ricevere nulla in cambio e cosa ho ricevuto? 100 minacce in un giorno (...)".




THE COLORS OF MILANO - MEMBERSHIP